Social media manager? Grazie, ma ho già un tappetino

Voglio immediatamente premettere una cosa: siamo dalla parte dei SMM (Social Media Manager). Il titolo, provocatore, è purtroppo la rappresentazione di un atteggiamento parecchio diffuso da parte delle aziende, che non ne riconoscono il valore nè la necessità e, quando ne hanno uno, spesso non lo sfruttano come dovrebbero.

Ciò detto, il SMM ha lo stesso valore di qualunque professionista: IMMENSO (purchè messo in condizone di agire).

Se vi state chiedendo a che serva un SMM è un ottimo inizio! Vuol dire che vi state informando e quindi avete la mente aperta. Lasciate quindi che vi diamo una mano.

In cosa consiste il lavoro del Social media Manager?

Il Social Media Manager è il responsabile della presenza online di un progetto (o di un servizio). Cura, per i canali social selezionati, le informazioni da trasferire al pubblico e la loro cadenza.

Sceglie, per ogni canale, il linguaggio adatto affinchè il progetto sia immediatamente interessante per il pubblico.

E’, in definitiva, il responsabile del piano editoriale e colui che, d’accordo con il brand, da un tono di voce alla comunicazioni sui canali social.

Chi fa questo mestiere? E come si forma?

Un Social Media Manager è una persona che ama comunicare, e che nel corso degli anni ha fatto tanta (ma davvero tanta) gavetta presso redazioni online, e non stanco ha trascorso ore e ore a studiare webinar, corsi in aula ecc. al fine di capire le meccaniche dietro i diversi social.

Poi, oltre all’aspetto comunicativo, si è dedicato al monitoraggio dei risultati, studiando le piattaforme e quello che gli permettono di fare. In questo modo può sostenere una discussione sugli obiettivi raggiungibili (e sbarrare gli occhi quando un account vende quello che non può, ndr).

Perchè dovrei prendere un esterno?

Nell’ottica dell’economizzazione delle risorse le aziende tendono spesso ad affidare questo ruolo ad un interno che sappia “smanettare”.

Ahimè questa decisione non paga mai. Perchè l’interno non ha la preparazione necessaria e perchè non ha le competenze adatte a suggerire una strategia coerente, facendo riflettere l’azienda sulle mosse da compiere.

Esistono delle aziende che mi possono supportare?

Certamente! Ci si può rivolgere direttamente a professionisti riconosciuti oppure a società che mettono a disposizone un proprio team.

By | 2017-07-17T11:41:04+00:00 July 17th, 2017|News|